Schiavitù e traffico di esseri umani

Rubix Group Holdings Limited e le proprie consociate hanno dichiarato nella Relazione Annuale e nel Bilancio Finanziario relativi all’esercizio chiuso in data 31 dicembre 2018 (in riferimento, ma non invia esclusiva, a Rubix Group International Limited) (congiuntamente, “Rubix”) di non giustificare, né di intendere partecipare ad alcuna forma di sfruttamento di esseri umani, incluso il lavoro minorile o forzato, schiavitù e/o traffico di esseri umani. Rubix è a conoscenza della Legge contro la Schiavitù Moderna 2015 (la “Legge”) e questa dichiarazione indica i passi compiuti da Rubix per cercare di eliminare il rischio che possano verificarsi episodi di schiavitù o traffico di esseri umani nella propria supply chain o all’interno delle società Rubix.

La nostra Azienda e la Supply Chain

Rubix è il principale distributore pan-Europeo di prodotti e servizi di elevata qualità a valore aggiunto per manutenzione, riparazione e revisione. Forniamo cuscinetti, componenti per la trasmissione di potenza, fluidodinamica, utensili, prodotti per la manutenzione generale e servizi connessi per il mercato MRO (manutenzione, riparazione e revisione) in tutta Europa.

Rubix ha sede nel Regno Unito e ha un perimetro europeo che comprende attualmente più di 20 paesi. Rubix serve oltre 220.000 clienti in tutti i settori manifatturieri, sfruttando la propria rete pan-europea e garantendo forniture 24/7 per 365 giorni all’anno a livello locale in tutta Europa. I principali del gruppo Rubix sono Brammer, BT Brammer, Buck & Hickman, Giner, Julsa, Kistenpfennig, Matrix, Minetti, Montalpina, Novotech, Orexad, Robod, Syresa e Zitec. Rubix è il distributore autorizzato di molti dei principali produttori di componenti tecnici a livello mondiale per forniture industriali e propone una gamma di circa 10 milioni di singole referenze.

Le nostre Politiche

Rubix è impegnato a garantire che non avvengano episodi di schiavitù o traffico di esseri umani nella propria supply chain o nelle proprie aziende. Molte delle politiche attualmente perseguite da Rubix prevedono misure in tal senso, inclusi i seguenti strumenti che sono già stati introdotti o sono in fase di introduzione:

  • Il Codice Etico del Gruppo in vigore in tutte le società affiliate dichiara che Rubix si aspetta dai propri dipendenti comportamenti etici e conformi alle leggi. Questo Codice delinea anche l’impegno di Rubix a rispettare i diritti umani e tutte le leggi e i requisiti relativi al lavoro in vigore a livello internazionale, nonché a tutelare i dipendenti.
  • La Politica della Dignità sul Lavoro definisce l’approccio di Rubix secondo cui ogni dipendente Rubix ha il diritto di lavorare in un ambiente sicuro e solidale. Rubix riconosce e rispetta i diritti legali e morali di tutte le persone coinvolte nelle proprie attività e s’impegna a predisporre un ambiente di lavoro senza molestie, discriminazioni o pregiudizi. Inoltre, riafferma la forte convinzione di Rubix in merito ai vantaggi offerti dall’assenza di discriminazioni e dalle pari opportunità.
  • La Politica di Segnalazione degli Illeciti (“Whistleblowing”) in virtù della quale Rubix s’impegna a rispettare i più elevati standard in termini di apertura, probità e responsabilità. L’efficacia di questa politica è ulteriormente rafforzata dalla disponibilità di un numero verde per la segnalazione di illeciti in via confidenziale attivo 24 ore al giorno, gestito da un partner indipendente, che tutti i dipendenti sono invitati a utilizzare per segnalare eventuali gravi preoccupazioni in merito a questioni inerenti il posto di lavoro.
  • Il Codice di Comportamento per i Fornitori tramite il quale Rubix chiede ai fornitori di intrattenere relazioni con i propri dipendenti in modo etico e conforme alle norme previste dalle leggi internazionali e locali, nonché agli standard di settore.

Gli Standard per il Reclutamento che prevedono determinate verifiche sui candidati prima dell’assunzione in conformità con le leggi vigenti, compreso il controllo della loro idoneità al lavoro.

Valutazione dei Rischi e Due Diligence

Il rischio di schiavitù e traffico di esseri umani all’interno dell’organizzazione di Rubix è ritenuto notevolmente ridotto grazie all’attuazione delle suddette politiche. Inoltre, Rubix cerca di individuare e minimizzare il rischio di schiavitù e traffico di esseri umani nella propria supply chain impegnandosi a selezionare fornitori che adottano elevati standard etici in linea con i valori e i principi aziendali di Rubix e puntando a costruire con loro relazioni a lungo termine. Questi standard prevedono fra l’altro il pieno rispetto dei propri dipendenti da parte di tali fornitori.

Pertanto, Rubix si aspetta che i propri fornitori (e subfornitori) gestiscano le proprie aziende e intrattengano relazioni con i dipendenti in modo etico e tale da soddisfare i requisiti previsti dalle leggi internazionali e regionali e dagli standard di settore. La maggior parte dei prodotti Rubix sono acquistati da primarie aziende manifatturiere europee, che adottano standard elevati in linea con gli standard Rubix.

Rubix si aspetta che i fornitori attuino politiche tali da garantire a Rubix stessa la ragionevole certezza del rispetto da parte loro degli standard previsti. Qualora un fornitore non dovesse soddisfare tali standard, Rubix potrebbe sospendere la relazione con il medesimo fino a quando non saranno superate eventuali inadempienze.

Formazione ed efficacia

Rubix ha recentemente svolto un sondaggio fra i dipendenti del Gruppo per avere un riscontro a beneficio del Management e identificare le aree su cui focalizzarsi per aumentare il coinvolgimento dei dipendenti.

Rubix ha attivato un numero verde per la segnalazione di illeciti, affinché si possano segnalare con maggiore efficacia eventuali comportamenti non etici. Qualora sussistessero eventuali dubbi circa comportamenti non etici, essi possono essere segnalati in modo confidenziale tramite questo numero verde e saranno soggetti a immediate indagini.

Questa dichiarazione è compiuta ai sensi del comma 54(1) della Legge sulla Schiavitù Moderna 2015 ed è soggetta a revisione annuale.

Approvata dal consiglio di amministrazione di Rubix Group Holdings Limited.

21 giugno 2019
Andrew Silverbeck, Amministratore per conto di Rubix Group Holdings Limited